Il miglior amico dell'uomo. All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere.
(Groucho Marx)



Alexandre Dumasconsigli di letturaExpo 2015Il conte di MontecristoJane AustenOrgoglio e PregiudizioPadiglione ItaliaVivaioWeb Magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere.
(Groucho Marx)



Cristina Caboniexpo 2015Gli animali fantastici: dove troLa custode del miele e delle apiNewt ScamanderPadiglione ItaliaVivaioWeb magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere.



Ernest HemingwayExpo 2015Mary e John GribbinPadiglione Italiavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere. (Groucho Marx)

È stata una lunga e calda estate e, alla disperata ricerca di refrigerio, mi sono buttata su titoli “rinfrescanti”. Non solo nel senso più letterale del termine (gialli nordici e fiabe scandinave), ma anche – e soprattutto – bisognosa di qualcosa di nuovo, frizzante, di ampio respiro. È così che ho iniziato a leggere Più sporco della neve, un thriller di Enrico Pandiani, scrittore già noto per la bella serie “Les Italiens”. In questo romanzo, secondo episodio nero che vede protagonista l’ex agente della Scientifica Zara Bosdaves, riciclatasi come detective privato, si intrecciano diverse storie: un furgone che esplode al confine tra Italia e Francia, la complessa vita privata di Zara, la scomparsa di un collezionista di whisky, una colluttazione che finisce in tragedia. La trama è avvincente, certo: requisito numero uno per un buon polar. Ma Pandiani ha fatto qualcosa di più: la grazia dello stile, l’ambientazione, l’esperienza nel saper costruire un intreccio carico di suspense, personaggi ben tratteggiati, niente di banale. Ecco, dunque, cosa mi rinfresca durante l’estate: trovare ancora scrittori che si cimentano con classe e professionalità in un genere ormai affollato e imbruttito da tanti (troppi) dilettanti. E allora è davvero vacanza.

Incipit

Più sporco della neve, Enrico Pandiani, Rizzoli, 2015, ISBN: 9788817074902, € 17,00

http://www.rcslibri.it/libri/piu-sporco-della-neve/

 

Tony Perduto sarebbe un giornalista brillante se in redazione non lo tenessero sempre in disparte, rifilandogli solo pezzi “di colore” da poche battute e servizi di nessuna importanza. Un giorno, però, la sua vita cambia: passeggiando all’alba per i vicoli dei Quartieri Spagnoli di Napoli, si imbatte in un orso. L’animale è morto, stecchito con tre colpi di pistola, due al petto, uno in fronte, come si fa usualmente con i boss camorristi. Tre le domande che Perduto si pone: 1. Come ci è finito là un orso marsicano? 2. Come è possibile che nessuno nel quartiere si sia accorto di nulla? 3. Qual è il significato di quella che sembra a tutti gli effetti un’esecuzione? Come di consueto, dopo un pezzo in prima pagina sull’accaduto, il giornalista viene relegato in un angolo e l’indagine si sfalda. A questo punto, Perduto potrebbe fregarsene e ricominciare a condurre la sua mediocre vita fatta di pochi interrogativi e molte incertezze. Ma egli non ci sta e decide di indagare a fondo... Se non vi è venuta voglia di leggere tutto il romanzo da questa breve introduzione, vi consiglio di iniziare a sfogliare le prime pagine: è un libro che, una volta cominciato, crea dipendenza e non si riesce più a interrompere. Vi sfido: provate a smettere, se ci riuscite.

Oscar

Il mistero dell’orso marsicano ucciso come un boss ai Quartieri Spagnoli, Antonio Menna, Guanda, 2015, ISBN: 9788823509634, € 16,50

http://www.guanda.it/scheda.asp?editore=Guanda&idlibro=8055&titolo=Il+mistero+dell'orso+marsicano+ucciso+come+un+boss+ai+quartieri+spagnoli



Expo 2015Future Food DistrictPadiglione Italiavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere. (Groucho Marx)

Un luogo comune tra gli amanti della lettura “alta” – passatemi il termine – è che il feuilletton sia un genere minore: uno dice feuilletton e subito si pensa a qualcosa di frivolo, per donnette dalla lacrima facile. Colpa di una certa editoria – anche qui, passatemi il termine – che pubblica romanzi scadenti, scritti in fretta, da persone che non leggono molto e che hanno una scarsa cultura, solo pensando alle royalties. Perché si pensa che certi libri siano commerciali e che alla gente questo basti per comprarli. Immaginate, dunque, il mio piacevole sconcerto quando un’amica mi ha prestato Florence, che è scritto in modo divino, con una trama avvincente e intricata, con personaggi ben delineati, senza la banalità che si trova in giro, e storicamente molto accurato. Siamo durante la Prima Guerra Mondiale, Ludovico Aldisi è un ambizioso giornalista, la cui vita cambia radicalmente quando si reca come inviato sulla Marna: qui vedrà con i suoi occhi gli orrori della guerra. La sua relazione con Claudia progressivamente si sfalda, mentre il rapporto con Irene, giovane intellettuale francese, brillante e pacifista, si fa sempre più intenso e importante. Non posso dirvi altro: leggetelo. Leggetelo, leggetelo!                                                 

Incipit

Florence, Stefania Auci, Baldini&Castoldi, 2015, ISBN: 9788868528508, € 18,00

http://www.baldinicastoldi.it/libri/florence/

 

Estate, per me, significa letture libere, e letture libere vuol dire giallo! Certo, ci sono i libri imposti dalla scuola, ma quelli si lasciano per ultimi (e se possibile, non si leggono!). Così, alla ricerca di un po’ di suspense che rinfrescasse questa torrida estate, mi sono imbattuto in un libro vecchiotto – pubblicato in Francia nel lontano 1952 e portato in Italia solo nel 2014 – di una coppia di scrittori dal nome per me impronunciabile. È la storia del mite Fernand che, con l’aiuto dell’amante, decide di uccidere la moglie, per incassare il premio dell’assicurazione sulla vita. Il piano viene messo in atto: Mireille, la vittima, viene drogata con un potente sonnifero, poi annegata nella vasca da bagno. Il corpo viene scaricato presso il lavatoio della casa dei due. Il piano è perfetto: il marito, rientrando da un viaggio di lavoro, dovrà fingere di imbattersi nella salma della moglie. Ma qualcosa va storto: quando Fernand torna al lavatoio per inscenare il ritrovamento, il corpo non c’è più. È stato rubato? La corrente lo ha portato via? Forse la povera Mireille si è trasformata in un fantasma? Non ve lo dico, ovviamente. Lo scoprirete nelle ultime, agghiaccianti, pagine.

Oscar

I diabolici, Pierre Boileau & Thomas Narcejac, Adelphi, 2014, ISBN: 9788845929175, € 16,00

http://www.adelphi.it/libro/9788845929175



Cluster frutta e legumiExpo 2015Padiglione ItaliaPierre BoileauStefania AuciThomas Narcejacvivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere.
(Groucho Marx)

Crisi di coppia: quante volte ne abbiamo sentito parlare? E quante volte l’abbiamo sperimentata noi stessi? Nel romanzo di Domenico Starnone, Lacci, si parla appunto di questo. Vanda e Aldo si sono sposati, giovanissimi, negli anni Sessanta; li ritroviamo nelle pagine di questo libro ormai trentenni, con due figli: annoiati, forse soffocati da una vita di routine che ormai non soddisfa più nessuno dei due. Lui, di punto in bianco, molla tutto e scappa: in un’altra città, con un’altra donna, a condurre un altro tipo di vita. È una storia nota, quella che ci racconta Starnone, che chiunque abbia una relazione di lunga data sulle spalle può capire, almeno in linea teorica. È una storia di insofferenze e piccole cattiverie, di vendette e di ricatti morali, di legami – lacci, appunto – da cui è difficile, forse impossibile liberarsi. L’autore ce la racconta con una vividezza e una forma espressiva tali da fare di questo libro una dolorosa, ma impossibile da abbandonare, passeggiata nell’animo umano.

Incipit

Lacci, Domenico Starnone, Einaudi, 2014, ISBN: 9788806194796, € 17,50

http://www.einaudi.it/libri/libro/domenico-starnone/lacci/978880619479

 

Come avrete notato, la mia recensione dello scorso numero su “Vivaio” non è uscita. Il motivo è semplice: ero in vacanza! Ma ho comunque lavorato per voi, perché mi sono imbattuto in un bellissimo libro che voglio assolutamente condividere. Il 14 luglio 1865 fu scalata per la prima volta la vetta del monte Cervino e quest’anno si sono celebrati i 150 anni dalla prima ascesa. Mi trovavo, proprio durante la settimana di festeggiamenti, con i miei genitori – e quella zecca di mia sorella – ai piedi di questa montagna meravigliosa. È così che mi sono ritrovato per le mani La montagna dentro in cui Hervé Barmasse racconta le sue “avventure”: da sciatore professionista ad alpinista, esploratore. Ha, tra le altre cose, aperto una nuova via al Cervino. È un libro che mi è piaciuto perché racconta davvero la montagna, in modo così semplice e avvincente che è venuta voglia anche a me di scalare “la Gran Becca”.

Oscar

La montagna dentro, Hervé Barmasse, Laterza, 2015, ISBN: 9788858119648, € 18,00

http://www.laterza.it/index.php?option=com_laterza&Itemid=97&task=schedalibro&isbn=9788858119648

 



Domenico StarnoneExpo 2015Hervé BarmassePadiglione Italiavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere.
(Groucho Marx)

Lavorando con i ragazzi e avendo sempre adorato i bambini, sono molto sensibile alle tematiche che li riguardano. Sebbene, come è ovvio, violenze e ingiustizie siano cose orribili cui nessuno dovrebbe essere sottoposto, questo discorso vale ancor di più, secondo me, con quella fascia della popolazione che per età ed esperienza è vulnerabile e indifesa. Così, quando uscì il libro Sogni da raccontare. Fiabe per Save The Children fui tra i primi a comprarlo, in più di una copia (qualcuna anche da regalare alle persone che amo). In esso, sette noti personaggi – Arisa, Francesco Facchinetti, Teresa Mannino, Vincenzo Montella, Davide Oldani, Francesco Renga e Valeria Solarino – si sono improvvisati, con successo, narratori d’eccezione, con l’obiettivo di raccogliere fondi per un progetto di salute e nutrizione per i bambini e le loro madri dell’Etiopia. È un acquisto “buono”, non solo perché contribuisce a fare del bene, ma anche perché si legge con piacere, sia da grandi che da piccoli.

Sogni da raccontare. Fiabe per Save The Children, AA.VV., Kite, 2012, ISBN: 9788895799988, € 10,00

http://content.ovs.it/articles/sogni-da-raccontare-fiabe-per-save-the-children

 



ArisaDavide OldaniExpo 2015Francesco FacchinettiFrancesco RengaPadiglione ItaliaSave The ChildrenSogni da raccontareTeresa ManninoValeria SolarinoVincenzo Montellavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

1 2 3 »

Vivaio è anche vostro


Il Vivaio web magazine di Padiglione ospita commenti, consigli, proposte, articoli e elaborati di docenti e studenti dedicati al tema: Nutrire il Pianeta – Energia per la Vita

Per contribuire a Vivaio magazine di Padiglione Italia è sufficiente iscriversi al sito e caricare i propri contributi.

Non sei registrato?


















Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk