L'idea della nuova bruschetta italiana creata dagli studenti delle classi II e IV della scuola primaria Italo Calvino di Bosisio Parini è piaciuta così tanto che è stata selezionata dalla giuria tra i primi tre lavori in assoluto.
Questa volta gli allievi, coordinati dalla maestra di italiano, inglese e immagine Paola Appiani, hanno lavorato insieme su un prodotto divenuto ormai simbolo dell'italianità in tavola. Le due classi hanno infatti aderito al concorso di "Morato pane & idee", legato al tema dell'esposizione universale di Milano. Obiettivo: reinventare la bruschetta italiana, piatto di origine contadina di cui si hanno notizie dal XV secolo e che con il tempo è stato diversamente elaborato grazie alla creatività culinaria dei nostri avi.



ExpoLa nuova bruschetta italianaPadiglione ItaliaScuola Primaria Italo Calvinovivaioweb magazine

LEGGI TUTTO


Da questo numero è scaricabile la guida della BEST FOOD GENERATION per Expo Milano 2015.



Best Food GenerationExpoPadiglione ItaliaRio Marevivaioweb magazine

LEGGI TUTTO





LEGGI TUTTO

Iniziare la visita con Padiglione Zero permette di orientarsi nei temi di Expo, ci spiega Veca, che sottolinea che sarà fondamentale il dialogo tra insegnanti e studenti, che costituirà il vero capitale aggiunto dell’esperienza di Expo, per evitare il rischio di perdersi nella sua complessità.



ExpoPadiglione ItaliaPadiglione ZeroSalvatore Vecavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

Aldo Bonomi, direttore Consorzio Aaster, ci racconta la visita di Padiglione Zero, destinata a colpire profondamente i bambini e il bambino che è in tutti noi, ma anche a far riflettere.



Aldo BonomiExpoPadiglione ItaliaPadiglione Zerostoria del cibovivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere. (Groucho Marx)

La storia di Caterina è simile a quella di molti suoi coetanei: è giovane e vuole allontanarsi dalla sua terra e dalla famiglia che sembra onnipresente, ha sete di nuove esperienze, di orizzonti più ampi, di conoscenze stimolanti. L’università le offre questa grande occasione: la ragazza parte per Roma, dove intende non solo laurearsi, ma dare avvio a una vita diversa, più ricca. Qui fa nuove amicizie, sperimenta cibi sconosciuti, trova anche l’amore. A casa, in Basilicata, l’aspetta un allegro e rumoroso quadretto di famiglia, fatto (come tutte le famiglie) di affetti e piccoli screzi, ambizioni e frustrazioni, sorrisi e incomprensioni. E soprattutto nonna Teresa, che con Caterina ha da sempre un legame speciale, indissolubile nonostante le distanze e le differenze generazionali. La propria terra e quelle radici che la ragazza ha cercato invano di tagliare la attirano a sé come un richiamo irresistibile. Attraverso le vicende intrecciate di Caterina e Teresa, questo romanzo ci parla di una terra antica, in cui l’uomo vive da millenni in sintonia e nel rispetto reciproco, di cose che hanno avuto la forza di non cambiare, di tradizioni che il tempo ha lasciato inalterate. È una grande storia d’amore nel senso più ampio e vero del termine: non solo nei confronti di un uomo, ma anche della famiglia, della propria terra, del passato.

Incipit

Verrà il vento e ti parlerà di me, Francesca Barra, Garzanti, 2015, ISBN: 9788811688808, € 14,90

http://www.garzantilibri.it/default.php?page=visu_libro&CPID=3246

 

Il libro che vi consiglio questa volta lo conoscete già: Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll è un grande classico, disponibile in un centinaio di versioni e da cui sono stati tratti cartoni animati e film. Perché, dunque, rileggerlo? A parte per la ricchezza della trama e per le sue molte interpretazioni, questa edizione – che ho trovato per caso rovistando di nascosto tra i libri del fratello di un amico – è resa speciale dalle illustrazioni di Rébecca Dautremer. Le avventure di Alice, affiancate da queste fantastiche immagini, assumono un nuovo significato: è come leggere un libro diverso, sebbene si conosca già la trama.

È difficile rendere a parole la bellezza di un disegno, posso solo dirvi di guardarlo e, come me, non riuscirete a togliergli gli occhi di dosso. Cercatene qualcuna sul Web per capire cosa intendo. Alcune tavole sono così belle che vi verrà voglia di staccarle e farne un quadro.

Ah, per la cronaca: quando ho detto a mia madre di aver trovato un libro così bello da essere stato tentato di rubarlo, lei ha pensato di prevenire il reato e me ne ha regalata una copia tutta mia.

Oscar

Alice nel paese delle meraviglie, Lewis Carroll e Rébecca Dautremer, Rizzoli, 2015, ISBN: 9788817051958, € 28,00

http://www.rizzoli.eu/libri/alice-nel-paese-delle-meraviglie-3/



consigli di letturaExpoPadiglione Italiavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

Leonardo a Milano ha dato il meglio di sé. Un’intervista alla curatrice della mostra a lui dedicata durante l’Expo.



Bambini in ExpoexpoLeonardo da Vincimaria teresa fioriopadiglione italiavivaioweb magazine

LEGGI TUTTO

« ... 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 ... »

Vivaio è anche vostro


Il Vivaio web magazine di Padiglione ospita commenti, consigli, proposte, articoli e elaborati di docenti e studenti dedicati al tema: Nutrire il Pianeta – Energia per la Vita

Per contribuire a Vivaio magazine di Padiglione Italia è sufficiente iscriversi al sito e caricare i propri contributi.

Non sei registrato?


















Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk